OLTRE LE IDEOLOGIE, L’UOMO EDENIANO

22 06 2010

Riprendo da un articolo di un blog ke amo leggere, alcune parti salienti ke esprimono il mio pensiero ma ke io nn sò esprimere altrettanto bene. Ringrazio x qst un grande capitano 🙂

“… In nome del profitto supremo, del capitalismo puro si rifiuta la soluzione agli squilibri mondiali, che viene dell’ equità e dalla redistribuzione dei redditi, soluzione che ideologie sinistre ed interessate rendono più difficile di quello che in realtà è. Stiamo perdendo tempo ad ascoltare l’eco di ideologie accademiche che hanno riempito di sacerdoti i templi delle università mondiali, stiamo perdendo tempo ad ascoltare coloro che dimenticano che l’economia è una branca dell’etica e che Adam Smith, amava più la “Teoria dei sentimenti morali ” che l’egoismo del panettiere e del macellaio.

Oggi il capitalismo irresponsabile, principale responsabile insieme alla politica e alla finanza, assecondato dall’ ignoranza ed ingenuità del popolo, abbagliato a sua volta dalla sensazione di ricchezza perenne ed infinita, deve ancora rispondere del demenziale contagio all’economia, all’umanità del dogma del profitto innanzitutto, del dogma del breve termine, della sua etica perversa e fallita.

E’ pura illusione credere che si uscirà da questa trappola, senza avere riformato la politica, la finanza, l’economia ed aver accresciuto la responsabilità degli individui. E’ da irresponsabili credere di uscire da questo medioevo proponendo sempre e solo dibattiti tra scuole di pensiero economico, sempre e solo ricette ormai obsolete che rifiutano il cambiamento o la responsabilità, urlando la genialità del capitalismo che qualche esaltato ancora oggi continua a proporre senza riforme.

Eppure Giovanni Paolo II, secondo considerato uno dei massimi artefici del crollo del comunismo e del muro di Berlino, nella “CentesimusAnnus” non risparmiò una sana critica costruttiva al capitalismo, attraverso la sua visione di una incrollabile fede nella persona umana come tale.

Comunismo e liberismo hanno sempre esaltato il primato dell’economia sulle altre sfere della vita umana. Le loro ideologie tendono da sempre a materializzare, quantificare e despiritualizzare l’esistenza di un uomo. La spiritualità, i sentimenti, le emozioni negate dal comunismo sono oggi seppelliti dal consumismo e dal materialismo contemporaneo.…”

“… Nella sostanza comunismo e capitalismo hanno annullato o silenziato l’essenza umana, la sua spiritualità, la sua essenzialità.…”

“… E’ da puri illusi credere che si uscirà da questa crisi grazie alle economie emergenti, pura illusione credere alle politiche economiche e monetarie che hanno fallito e che sono ancora oggi supportate e proposte da un sistema di individui che non hanno il coraggio di ammettere il fallimento di un capitalismo nel quale si socializza quotidianamente le perdite e si assumono rischi che sono figli di un azzardo morale, supportato in ogni momento, dimenticando sempre e comunque l’uomo.…”

“… Come diceva Yunus… “Ho come la sensazione che l’economia basi le sue leggi su presupposti che ignorano gli esseri umani. Tratta gli uomini come macchine e nega gli elementi essenziali della natura umana. Considera gli imprenditori come uomini dalle capacità eccezionali e così ignora le potenzialità della gran massa dell’umanità. L’economia ama definirsi come una scienza sociale ma non lo è ! Parla di lavoro e manodopera, non parla di uomini , donne e bambini quindi non può ignorare l’ambiente che pretende di analizzare !

L’uomo deve essere sempre al centro, con la sua forza e le sue debolezze ke madre natura e l’evoluzione ci hanno dato.
Ciò nn toglie ke un sistema sociale adeguato ed un sitema di natura economica nn possano convivere. E’ solo una qestione di misura e saggio eqilibrio, cm d’altronde tutto in qst universo. Motivo x cui dopo qst lettura consiglio vivamente di leggere la proposta Edeniana di un sistema economico a misura d’uomo e rispettosa della natura di cui l’uomo è parte e nn unico artefice: il Capitalismo Circoscritto





Salto quantico

28 11 2008

Il titolo è il medesimo dell’originale articolo pubblicato da Giuseppe Caravita nel suo blog.
L’articolo suddetto è di mercoledì 26 novembre 2008 ovvero 2 giorni fà ma solo oggi l’ho letto.
Ve ne consiglio vivamente la lettura xkè è una perla di saggezza e sembra descrivere la filosofia Edeniana ke vado proponendo da quasi un anno ormai. Certo ke non è la stessa cosa ma vi si avvicina incredibilmente, forse xkè il mondo si sta accorgendo a sue spese ke altra via non c’è.
Mi fa piacere vedere ke molti sono potenziali Edeniani e ancora non lo sanno !
Buona lettura.





Comunità alternative

30 09 2008

L’Isola di Eden vuol essere innanzitutto il progetto di una nuova comunità di persone unite dagli stessi ideali e fortemente convinta ke occorra un nuovo modello di società e civiltà x affrontare il futuro.
Qualcosa di diverso ma non necessariamente nuovo o rivoluzionario.
Una comunità tutta da costruire di cui io sono il primo seme e dove questo blog rappresenta la sua storia, il suo cammino lunga la strada ke porterà alla realizzazione del Monolite, l’ambito traguardo del progetto.
Qualcuno le kiama utopie e ci scrive anke un blog ma non è sempre detto ke siano utopie.
Esistono nel mondo diverse comunità e una in Italia, famosa da molto tempo, è quella di Damanhur, nota x creare templi di cui uno famosissimo xkè dentro una montagna ke qui si può vedere e visitare online.
Possiamo immaginare il Monolite come il Tempio della comunità degli Edeniani e la fede in un mondo migliore come la religione di ogni Edeniano, infine l’Isola di Eden sarà la micronazione patria natia degli Edeniani.





Nasce l’Edeniano, lingua ufficiale dell’Isola di Eden

2 06 2008

Visto ke ricevo in vari contesti critike negative circa il mio modo di scrivere su questo blog e altrove, ho deciso, tra le tante cose, di ufficializzare questa modalità di scrittura e strutturarla in una vera e propria lingua: l’Edeniano.
Così come sull’Isola delle Rose vigeva l’Esperanto come lingua ufficiale, sull’Isola di Eden la lingua ufficiale è d’ora in poi l’Edeniano, lingua derivata dalla trasformazione dell’Italiano tramite l’uso dell’alfabeto internazionale a 26 caratteri invece dei 21 dell’alfabeto italiano.
La definizione di questa nuova lingua avrà una sua pagina dedicata su questo sito e sarà implementata col tempo fino a sua completa maturazione con l’avvento del Governo di Eden.
Vi rimando x i dettagli direttamente alla pagina suddetta.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: