L’isola dell’energia rinnovabile

4 06 2009

L’Isola di Eden nn sarà la prima isola interamente sostenuta da energie rinnovabili, questo primato è già di un altra isola, nn artificiale bensì naturale, l’isola di Samsø in Danimarca. Tratto da un articolo di QualEnegia del 3 Giugno 2009:

Søren Hermansen, Direttore dell’Energia Akademiet di Samsø (Danimarca), nota come “isola dell’energia rinnovabile”, ha illustrato i processi che hanno portato l’isola, che ha circa 4300 abitanti, a diventare completamente indipendente dal punto di vista energetico in soli 10 anni. Attraverso le sue 11 turbine eoliche sul mare, Samsø provvede infatti interamente all’intero fabbisogno di elettricità dell’isola e, grazie ad un sistema solare termico di 2.500 mq di superficie di collettori, si provvede al riscaldamento dell’acqua di tutte le case dei cittadini. Vengono utilizzate anche pompe di calore geotermiche, impianti solari termici domestici e stufe a segatura e pellet.

Totale indipendenza elettrica
L’elettricità utilizzata a Samsoe, un’isola nella zona centrale della Danimarca, come detto non proviene da combustibili fossili, da centrali nucleari o da altre fonti convenzionali, ma da 11 impianti eolici capaci di generare l’intero fabbisogno di elettricità.
Nei giorni in cui vi è calma di vento, l’energia viene trasferita dalla rete elettrica principale danese sulla rete dell’isola. Viceversa, nelle giornate ventose l’isola esporta energia eolica verso la rete principale nazionale. Il saldo netto energetico annuale è positivo, visto che l’isola esporta molta più energia verso da terraferma di quanta ne riceva.
Per questo Samsoe è stata nominata nel 1997 isola danese dell’energia rinnovabile, in considerazione dell’ambizioso obiettivo di divenire indipendente dal punto di vista energetico entro il 2008. Proprio grazie alle sue 11 turbine sulla terraferma, il settore elettrico di Samsoe ha già raggiunto tale obiettivo.

Produzione del calore
Nei maggiori centri abitati di Samsoe, riscaldamento e acqua calda per case e aziende provengono da sistemi di teleriscaldamento alimentati con energie rinnovabili. Sul lato nord dell’isola, fra i paesi di Nordby e Maarup, uno straordinario sistema costituito da 2500 m2 di pannelli solari termici. Un bruciatore alimentato con trucioli di legno provenienti della lavorazione del legno della Foresta Brattingsborg opera come back-up del sistema di riscaldamento a energia solare. Sul lato meridionale dell’isola le città di Tranebjerg, Onsbjerg, Brundby e Ballen sono riscaldate da un sistema di teleriscaldamento. Molti proprietari di casa hanno sostituito le caldaie ad olio combustibile con pannelli solari, pompe di calore geotermiche e stufe alimentate con segatura e pellet. Nel complesso queste attività hanno sostituito oltre il 70% della generazione di calore su Samsoe grazie alle tecnologie rinnovabili.

Trasporti, la prossima strategia
Sull’isola danese continuano a mancare ancora però valide soluzioni sostenibili per il settore dei trasporti. Gli abitanti di Samsoe stanno lavorando a una serie di possibili soluzioni, come l’alimentazione dei motori con olio di ravizzone e idrogeno. Alcuni prospettano un futuro in cui auto e camion saranno alimentati dall’idrogeno generato dalle turbine eoliche.
Nel frattempo la maggior parte dei veicoli di Samsoe utilizza carburanti tradizionali derivati dal petrolio, ma le loro emissioni vengono bilanciate da dieci turbine offshore. Queste grandi turbine compensano ampiamente il carburante bruciato da tutti i veicoli presenti sull’isola, compresi i tre traghetti che collegano l’isola alla terraferma.

La Energy Academy
Nell’estate del 2006 è stata inaugurata a Samsoe una nuova Energy Academy. L’Academy raccoglierà tutte le attuali conoscenze sulle tecnologie delle energie rinnovabili e sui successi nell’implementazione di tali tecnologie a Samsoe attraverso mostre, dimostrazioni, seminari e prove.
L’Ufficio Energetico di Samsoe, che in passato è stato una delle principali attrazioni del turismo interessato alle energie rinnovabili sull’isola, sarà ospitato nell’Academy. L’ufficio continuerà ad ospitare ogni anno oltre 1.000 visitatori, compresi ministri, ambasciatori, dipendenti pubblici, gruppi scolastici e singoli ricercatori. La nuova struttura offre l’opportunità di indagare sugli aspetti scientifici delle energie rinnovabili, grazie a un Experimentarium, oltre che sugli aspetti sociali dello sviluppo delle energie rinnovabili, con lo scopo di soddisfare il grande interesse dimostrato in passato dai visitatori per il processo attraverso il quale la popolazione di Samsoe ha deciso di appoggiare la trasformazione energetica che ha coinvolto tutta l’isola.
L’Academy offre un punto di incontro nuovo ed esclusivo per aziende, istituzioni accademiche, organizzazioni energetiche e uomini politici in un ambiente dove turbine eoliche, riscaldamento a paglia e pannelli solari generano energia sostenibile appena fuori dalle finestre.

Fonte: scheda tecnica di Søren Hermansen, Direttore dell’Energia Akademiet di Samsø


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: