Comunità alternative

30 09 2008

L’Isola di Eden vuol essere innanzitutto il progetto di una nuova comunità di persone unite dagli stessi ideali e fortemente convinta ke occorra un nuovo modello di società e civiltà x affrontare il futuro.
Qualcosa di diverso ma non necessariamente nuovo o rivoluzionario.
Una comunità tutta da costruire di cui io sono il primo seme e dove questo blog rappresenta la sua storia, il suo cammino lunga la strada ke porterà alla realizzazione del Monolite, l’ambito traguardo del progetto.
Qualcuno le kiama utopie e ci scrive anke un blog ma non è sempre detto ke siano utopie.
Esistono nel mondo diverse comunità e una in Italia, famosa da molto tempo, è quella di Damanhur, nota x creare templi di cui uno famosissimo xkè dentro una montagna ke qui si può vedere e visitare online.
Possiamo immaginare il Monolite come il Tempio della comunità degli Edeniani e la fede in un mondo migliore come la religione di ogni Edeniano, infine l’Isola di Eden sarà la micronazione patria natia degli Edeniani.

Annunci




Un visionario a Silicon Valley

26 09 2008

Ho letto un interessante articolo sull’Espresso del 18 Settembre ke porta appunto il titolo di questo articolo e si riferisce a Peter Thiel, imprenditore 40enne di origine tedesche, creatore di PayPal, il maggiore e + diffuso sistema di pagamento in internet, via email, acquisito nel 2002 dal sito di aste online eBay, ank’esso oggi leader del settore.
Xkè l’ho trovato interessante ? Semplice, ho scoperto ke Peter Thiel è tra i finanziatori dell’organizzazione SeaSteading Institute (i  responsabili del progetto sono Patri Friedman e Wayne Gramlich) ke promuove la colonizzazione dei mari e degli oceani.
Come ho avuto modo di scrivere, SeaSteading, originalmente concepito come via di esperimenti su “nuovi sistemi sociali, politici e legali”, è una miniera di informazioni su come realizzare soluzioni abitative nelle acque salate del ns pianeta (qui è citato un esempio) e sono rimasto molto sorpreso ke un personaggio partito dall’informatica sia approdato alla colonizzazione dei mari e oceani proprio xkè ankio, siamo quasi coetanei, sto seguendo lo stesso percorso ideale.
Certo, con differenti capitali, ma del resto lui è ammerigano e si sà ke in USA le possibilità di fare soldi sono nettamente migliori 🙂
Tra le varie cose di cui si occupa coi soldi incassati dalla vendita di PayPal a eBay: LONGEVISMO, FINANZA, FACEBOOK





Sostenibile e Sostenibilità

25 09 2008

Ho trovato in rete un documento molto interessante al riguardo su OilCrash scritto da Albert Bartlett nel 2006 e sempre valido, vi suggerisco la sua lettura.
Ma oggi nel blog Petrolio ho trovato ancora di meglio, il pezzo è tratto da una lezione di Albert Bartlett tenuta il 29 Agosto 2004 (in rete ho trovato il video e il testo originale ma solo in inglese), e lo copio e incollo xkè la storiella raccontata è ottima, così … giusto x fare un pò di sano terrorismo psicologico 🙂

Dr. Albert Bartlett – estratto da una lezione tenuta a Denver Colorado nel 2004
I batteri crescono per raddoppio. Un batterio si divide e diventa due, due si dividono e diventano quattro, 4 diventano 8, 16 e così via. Supponiamo di avere una colonia di batteri che raddoppia in numero ogni minuto. Supponiamo di ficcare uno di questi batteri in una bottiglia vuota alle 11:00 di mattina e di osservare che la bottiglia è piena alle 12:00. Questo è il nostro caso ordinario di crescita continua: abbiamo un tempo di raddoppio di un minuto e un ambiente finito che è una bottiglia.

Voglio farvi tre domande: Prima domanda: a che orario la bottiglia risulterà mezza piena? Bene, pensate che sia alle 11:59, un minuto prima delle 12:00, perché la colonia raddoppia ogni minuto.

Adesso la seconda domanda: se voi foste un batterio medio all’interno della bottiglia, in che istante vi accorgereste che state rischiando di rimanere senza spazio? Bene, vediamo che succede nella bottiglia durante gli ultimi minuti. Alle 12:00 la bottiglia è piena, un minuto prima è mezza piena, 2 minuti prima è piena per un quarto, quindi un ottavo, quindi un sedicesimo. Fatemi fare una domanda: alle 11:55, quando la bottiglia è piena solo al 3% ed il 97% è ancora spazio libero, disponibile per lo sviluppo, quanti di voi si accorgerebbero che esiste un problema? 

Bene, supponiamo allora che 2 minuti prima delle 12:00, alcuni dei batteri finiscano per capire che lo spazio a disposizione si sta esaurendo, e decidano di lanciarsi alla ricerca di nuove bottiglie. Cominciano a cercare a largo della piattaforma continentale, nelle fasce protette e nell’Artico, e, siccome sono bravi, riescono a trovare tre nuove bottiglie. Questa sarebbe una scoperta incredibile, cioè avrebbero a disposizione tre volte le risorse che avevano avuto fino a quel momento. Ora avranno quattro bottiglie, mentre prima ce ne era solo una. Adesso, sicuramente, questo renderà la loro società sostenibile, non credete?

Credo che sospettiate già quale sarà la mia terza domanda: per quanto tempo può continuare la crescita a seguito di queste meravigliose scoperte? Guardiamo la tabella: alle 12:00 la bottiglia originale è piena, ne restano tre da riempire; alle 12:01, due bottiglie sono piene, ne restano due da riempire; alle 12:02 tutte e quattro le bottiglie sono piene e questa è la fine del gioco.

Questa è esattamente tutta l’aritmetica di cui avete bisogno per valutare l’assoluta contraddittorietà di certe dichiarazione degli ‘esperti’ che sentiamo alla televisione o leggiamo sui giornali e che ci vanno dicendo che possiamo continuare ad aumentare il nostro tasso di consumo dei combustibili fossili e un momento dopo aggiungono “Non preoccupatevi, saremo comunque in grado di realizzare nuove scoperte di risorse che servono a coprire questa crescita di consumi”.

Semplice e lampante … non c’è ke dire … non si scappa a una logica così stringente. L’unica via di fuga è la filosofia e il progetto dell’Isola di Eden alla conquista dei mari, salvaguardando la popolazione e  i consumi energetici e alimentari, ovvero le basi della ns stessa vita su questo pianeta.





E’ arrivato il rigassificatore a Porto Levante

19 09 2008

Ecco, questa è una notizia interessante x me.
Non certo x il fatto ke adesso l’Italia abbia un nuovo impianto di rigassificazione del metano liquefatto importato dai paesi arabi bensì x la struttura in sè.
L’isola di Eden non è poi così differente dal rigassificatore, ma andiamo con ordine.
Questo è l’articolo del Resto del Carlino, quotidiano abbastanza diffuso da queste parti, dove ho preso spunto e dati circa il rigassificatore e questa è una galleria di foto del medesimo, anke Wikipedia ne scrive.
Leggo ke questo supercondominio galleggiante di cemento armato lo piazzeranno 15 kilometri al largo di Porto Levante, provincia di Rovigo, e + precisamente: Latitudine 45° 05’.30 N – Longitudine. 012° 35’.10 E su un fondale profondo circa 28 metri.
Le dimensioni sono 180 mt. di lunghezza x 88 mt. di larghezza (qui dove sembrano + informati e tecnici si dice 108 mt.) e l’altezza di un palazzo di 15 piani, se ne deduce sia intorno ai 45 mt. circa, ed è costruito in cemento armato ovvero cemento e ferro, come un comune edificio terrestre.
L’Isola di Eden è solo + grande e + alta e sempre in cemento armato.
Il rigassificatore è costato 200 milioni di euro ed è una struttura adibita a un compito abbastanza delicato quindi costruita con accorgimenti di sicurezza adeguati e non proprio in economia.
Questo significa ke il Monolite dell’Isola di Eden, fatte le debite proporzioni, dovrebbe costare non meno di 1 miliardo di Euro ma probabilmente nemmeno tanto di +.
Ma quello ke + interessa è la dimostrazione ke tecnicamente ci sono tutti i mezzi x poterlo realizzare.
Ecco xkè è importante questa notizia: il rigassificatore nel suo relativamente piccolo dimostra ke l’Isola di Eden potrà essere creata 🙂

P.S:
Aggiornamento del 20 Ottobre 2009, fonte ANSA online:  “Al via il rigassificatore Rovigo





Secondo schizzo del Monolite

17 09 2008

Il tempo passa e le idee si aggiornano.
Ho fatto alcune modifike e inserito il nuovo schizzo di massima del Monolite ke potete leggere e vedere nella pagina a lui riservata su questo blog.
Attualmente i disegni sono realizzati in Autocad 2004 usufruendo della preziosa collaborazione di una amica ingegnere riminese ke xò ha molto lavoro e poco tempo x me, motivo x cui sono sempre alla ricerca di aiuto nello sviluppo del progetto e in particolare dei disegni del Monolite.
Allo scopo rilancio la rikiesta di aiuto a tutti i volenterosi ke si approssimano a queste pagine e abbiano un briciolo di tempo libero e di passione da dedicare a questo progetto 😉





L’intelligenza è nulla senza saggezza

9 09 2008

Ho letto un articolo bello tosto su comedonchisciotte riguardo lo stile di vita della società americana ma ke è tranquillamente allargabile a tutto il mondo cosidetto occidentale.
Alcuni stralci mi piacciono molto assai, tipo i seguenti:

Messaggio per i pochi informati: dobbiamo liberarci dalla propensione a sprecare tempo e risorse, sempre più limitati, nel cercare futilmente di risolvere i problemi legati all’esaurimento delle risorse naturali, al degrado dell’ambiente naturale, ai cambiamenti climatici, alla sovrappopolazione o alla crisi economica del momento. Questi problemi saranno risolti solo se si risolve il “pasticcio” fondamentale: il nostro stile di vita è insostenibile.

Ed anke:

Questa è la realtà del mondo
Le risorse ecologiche, cioè le risorse e i diversi habitat naturali, che sono ciò che di fatto permette il nostro stile di vita, e che noi consideriamo essenzialmente illimitati, sono, in realtà, finiti e decrescenti. A parte la luce solare e qualche occasionale meteorite, la terra è un sistema chiuso: nella sua biosfera non si possono introdurre nuove risorse. Dato lo sfruttamento continuo e aggressivo delle risorse naturali all’interno di un contesto di risorse finite, una inesauribile abbondanza di risorse ecologiche è fisicamente impossibile. Inoltre, dato che le risorse ecologiche sono fisicamente limitate, uno stato di crescita e prosperità economica ininterrotte è anch’esso fisicamente impossibile.”

Ke dire di + di tanta saggezza concentrata, un inevitabilmente:
“l’intelligenza è nulla senza saggezza”
quindi mi ripeto ancora … meditate gente meditate … l’Isola di Eden ha una filosofia vincente.
E x ki volesse approfondire la lettura di tutto l’articolo, cosa ke vi consiglio caldamente, questo è il link allo stesso.





ZIGGURAT, i monoliti prolificano

4 09 2008

ziggurat_dubaiE’ notizia ripresa da quell’increbibile sito ke è InHabitat.
Sempre a Dubai, sempre x opera di quegli arabi pieni di soldi e ultimamente anke di belle speranze, dovrebbe sorgere una piramide tecnologica e avveniristica, un monolite x 1 milione di abitanti, anch’esso ecosostenibile ovvero autosufficiente energeticamente visto l’obiettivo di creare una struttura abitativa Carbon Neutral, quindi fondamentalmente ke non faccia uso di fonti fossili x il suo sostentamento.
I dettagli circa lo Ziggurat direttamente a questo link o quest’altro assai ricco di foto.
Ke dire, l’esigenza di qualcosa di nuovo è sempre + sentita, + passa il tempo e – solo mi sento 🙂








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: